CARTA DI QUALIFICAZIONE DEL CONDUCENTE (CQC)

Clicca sull'immagine per vedere il fac-simile

 

DECRETO DIRIGENZIALE 20 marzo 2008  (pubblicato in G.U. n. 102 del 2.5.2008)

Circolare n.77898/8.3 del 10.08.2007
(Obbligo del possesso e del rilascio della carta di qualificazione del conducente)
Modifica ed integra la normativa precedente (in particolare relativamente al mantenimento del CAP tipo "KB" per i possessori di "KD")

Notizie Generali.
Conducenti esentati dall'obbligo della CQC
Rilascio della CQC per documentazione (in esenzione corso ed esame)
Rilascio della CQC per esame (qualificazione iniziale)
Rinnovo della CQC (formazione periodica)
Duplicato della CQC

        per deterioramento
        per smarrimento, furto o distruzione
Conversione CQC CEE

Sanzioni
Decurtazione punti sulla CQC e sul CAP KB
Revoca della CQC o del CAP tipo KB

Facsimile CQC

Notizie Generali.

  • Sul Supplemento Ordinario n. 96 alla Gazzetta Ufficiale del 05 aprile 2007 sono stati pubblicati tre decreti ministeriali (Decreto del Ministro dei trasporti 7 febbraio 2007) - “enti per la formazione dei conducenti professionali, programmi del corso e procedure d’esame per il conseguimento della carta di qualificazione del conducente”; Decreto del Capo del Dipartimento dei trasporti terrestri 7 febbraio 2007 n. 371 - “rilascio della carta di qualificazione del conducente”; Decreto del Capo del dipartimento dei trasporti terrestre 7 febbraio 2007 n. 372 - “gestione dei punti della carta di qualificazione del conducente”) che danno piena attuazione alla direttiva europea 2003/59/CE e al Decreto Legislativo 21 novembre 2005 n. 286.

  • Successivamente è stata emessa la Circolare ministeriale prot. n. 29092/23.18.03 del 27 marzo 2007 - Norme in materia di rilascio della carta di qualificazione del conducente ai sensi della direttiva 2003/59/CE.

  • Infine sulla G.U. n. 102 del 2.5.2008 è stato pubblicato il DECRETO DIRIGENZIALE 20 marzo 2008 che modifica le modalità di rilascio della CQC in esenzione di corso ed esame finale.
     

  • In particolare, la sopraccitata direttiva introduce, per i conducenti che effettuano trasporti professionali su veicoli per la cui guida è richiesta la patente delle categorie C, C+E, D e D+E, la carta di qualificazione del conducente (di seguito denominata CQC) che si consegue dopo aver seguito un corso di formazione iniziale e dopo aver superato il relativo esame, e si rinnova dopo aver seguito un corso di formazione periodica.

  • La CQC sostituisce i certificati di abilitazione professionali di tipo KC e KD di cui all'art. 116, comma 8, del codice della strada e dell'art. 311 del relativo regolamento.

  • Coerentemente, quindi, con tale previsione è stato previsto, un regime transitorio durante il quale i titolari di patente di guida della categoria C e CE ovvero di certificato di abilitazione professionale di tipo KD potranno ottenere il rilascio della CQC, per documentazione, senza obbligo di sostenere il relativo esame.
    Come chiarito dalla
    Circolare n.77898/8.3 del 10.08.2007 e dal DECRETO DIRIGENZIALE 20 marzo 2008 sarà possibile rilasciare per documentazione la CQC esclusivamente a conducenti titolari  del CAP KD rilasciati entro il 9 settembre 2008 o di patente di guida della categoria C conseguita entro il 9 settembre 2009.

  • L'art. 8 del decreto del Capo del Dipartimento per i trasporti terrestri 7 febbraio 2007, n. 371 stabilisce che:
    -per quel che concerne il trasporto persone, l'obbligo di condurre veicoli con la CQC decorre dal 10 settembre 2008;
    -per quel che concerne il trasporto di cose, l'obbligo di condurre veicoli con la CQC decorre dal 10 settembre 2009
    .

  • I conducenti che conseguono il certificato di abilitazione professionale di tipo KD dal 10.09.2008  o la patente di guida della categoria C o CE dal 10.09.2009 non potranno ottenere la CQC per documentazione ma dovranno seguire il corso di formazione e sostenere il relativo esame.

  • Dal 10 settembre 2008 non saranno più rilasciati (né per conseguimento né per duplicato) i certificati di abilitazione professionale di tipo KD. Parimenti, a decorrere dal 10 settembre 2009 non saranno più rilasciati i certificati di abilitazione professionale di tipo KC.

Conducenti esentati dall'obbligo di possedere la carta di qualificazione del conducente.

  1. di veicoli la cui velocità massima autorizzata non supera i 45 km/h;

  2. di veicoli ad uso delle forze armate, della protezione civile, dei pompieri e delle forze responsabili del mantenimento dell'ordine pubblico, o messi a loro disposizione;

  3. di veicoli sottoposti a prove su strada a fini di perfezionamento tecnico, riparazione o manutenzione, e dei veicoli nuovi o trasformati non ancora immessi in circolazione;

  4. di veicoli utilizzati in servizio di emergenza o destinati a missioni di salvataggio;

  5. di veicoli utilizzati per le lezioni di guida ai fini del conseguimento della patente di guida o dei certificati di abilitazione professionale;

  6. di veicoli utilizzati per il trasporto di passeggeri o di merci a fini privati e non commerciali;

  7. di veicoli che trasportano materiale o attrezzature, utilizzati dal conducente nell'esercizio della propria attività, a condizione che la guida del veicolo non costituisca l'attività principale del conducente.

  • Per quanto riguarda l'esenzione prevista al punto f) si chiarisce che la stessa si riferisce ai conducenti di veicoli adibiti ad uso proprio.

  • Ai sensi dell'art. 15 del D.L.vo 286/2005, la CQC è rilasciata:

  1. ai conducenti residenti in Italia che svolgono attività di autotrasporto di persone o di cose;

  2. ai conducenti cittadini di Stati non appartenenti all'Unione europea o allo Spazio economico europeo, che svolgono la loro attività alle dipendenze di un'impresa di autotrasporto di persone o di cose stabilita sul territorio italiano.

  • La CQC può qualificare i conducenti per la guida professionale di veicoli adibiti al trasporto di persone, di merci o a entrambi.

  • Il rilascio avviene superando uno specifico esame di idoneità, cui si viene ammessi previa frequenza di un corso di formazione di 280 ore, di cui 20 ore di esercitazioni pratiche alla guida di veicoli.

Rilascio della carta di qualificazione del conducente per documentazione.

  • L'art. 17 del D.L.vo 286/2005 individua i conducenti che possono ottenere la CQC per documentazione, in esenzione, dunque, dall'obbligo di frequentare corsi di formazione iniziale e di sostenere l'esame.
    In particolare, possono ottenere la CQC per documentazione i conducenti:

  1. residenti in Italia, titolari, alla data del 9 settembre 2008,  del certificato di abilitazione professionale di tipo KD;

  2. residenti in Italia, titolari, alla data del 9 settembre 2009 della patente di guida della categoria C ovvero C+E;

  3. in altri Stati appartenenti all'Unione europea o allo Spazio economico europeo ma dipendenti da un'impresa di autotrasporto di persone o di cose aventi sede in Italia, titolari, alla data del 9 settembre 2008 della patente di guida delle categorie D o DE, ovvero alla data del 9 settembre 2009 della patente di guida delle categorie C o CE;

  4. in Stati non appartenenti all'Unione europea o allo Spazio economico europeo ma dipendenti da un'impresa di autotrasporto di persone o di cose avente sede in Italia, titolari, alla data del 9 settembre 2008 delle patenti di guida equivalenti alle categorie D o DE, ovvero, alla data del 9 settembre 2009 delle patenti di guida equivalenti alle categorie C o CE;".

  • Si sottolinea il fatto che, trascorsi tre anni dalla data di entrata in vigore del D.M. 7 febbraio 2007 non sarà in alcun modo possibile ottenere la CQC per documentazione (art. 2 comma 3, del D.M. citato).

  • Ai fini del computo del quinquennio di validità delle CQC rilasciate in esenzione dall'obbligo di frequentare il corso di qualificazione iniziale ed il relativo esame, la scadenza di validità va calcolata a partire dal 10 settembre 2008 per le CQC che abilitano al trasporto di persone, ovvero dal 10 settembre 2009 se abilitano al trasporto di cose (ad esempio, una CQC per il trasporto di persone rilasciata "per documentazione" il 1 ottobre 2007 scadrà di validità il 9 settembre 2013, mentre una CQC per il trasporto di cose rilasciata "per documentazione" il 1 ottobre 2007 scadrà il 9 settembre 2014).

Ritorna all'inizio

RILASCIO DELLA CARTA DI QUALIFICAZIONE DEL CONDUCENTE (CQC) PER DOCUMENTAZIONE
(è possibile rilasciare per documentazione la CQC esclusivamente a conducenti titolari di patente di guida della categoria C o del CAP KD rilasciati entro il 9 settembre 2008)
(chiedere comunque le informazioni complete e aggiornate allo sportello patenti)

  1. compilazione della domanda sul modello MC 746 - C da ritirarsi presso gli sportelli dell'ufficio.
    La domanda deve essere firmata.

  2. attestazione dei versamenti in conto corrente postale dei diritti (c.c. n°86083623 - Euro 9,00) e dell’imposta di bollo (c.c. n°4028 - Euro 29,24);

  3. Fotocopia KD (e relativa patente D) o patente C, CE per residenti in Italia;
    Oppure:
    patente C, CE, D, DE se cittadini stranieri residenti all’estero, che svolgono la loro attività alle dipendenze di un’impresa stabilita sul territorio italiano, titolari di patente estera. In questo caso è obbligatorio allegare una dichiarazione della suddetta ditta, rilasciata su carta intestata, con firma e fotocopia documento di identità del rappresentante legale, e contenente tutti i dati identificativi del dipendente interessato che certifichi la sua dipendenza dalla ditta stessa;

  4. permesso di soggiorno,in corso di validità, e sua fotocopia (per cittadini extracomunitari residenti in Italia);

  5. fotocopia del codice fiscale

  6. una  fotografia formato tessera, a capo scoperto, recente.

  • N.B. Se la pratica non è presentata dal titolare dovrà essere esibita una delega sottoscritta ed un documento d’identità personale del delegante;

  • I conti correnti dovranno essere sempre compilati a nome del richiedente, indicando il cognome da nubile per le donne coniugate.

  • Il conducente ha l'obbligo di richiedere anche il duplicato della carta di qualificazione del conducente, nel caso presenti istanza di rilascio di duplicato della patente di guida.

 

RILASCIO DELLA CARTA DI QUALIFICAZIONE DEL CONDUCENTE (CQC) PER DOCUMENTAZIONE E RICLASSIFICAZIONE DEL CAP KD IN KB (circolare n. 77898/8.3 del 10.08.2007)
(è possibile rilasciare per documentazione la CQC esclusivamente a conducenti titolari di patente di guida della categoria C o del CAP KD rilasciati entro il 9 settembre 2008)
(chiedere comunque le informazioni complete e aggiornate allo sportello patenti)

Poiché il certificato di abilitazione professionale di tipo KD è valido anche, ai sensi dell'art. 310, comma 2, del regolamento di esecuzione e di attuazione del codice della strada, anche per la guida dei veicoli cui abilita il CAP di tipo KB, il conducente titolare del CAP di tipo KD potrà, al momento di presentare l'istanza per il rilascio della CQC per "documentazione", presentare anche istanza per il rilascio del certificato KB.

  1. compilazione della domanda sul modello MC 746 - C da ritirarsi presso gli sportelli dell'ufficio.
    La domanda deve essere firmata.

  2. attestazione dei versamenti in conto corrente postale dei diritti (c.c. n°86083623 - Euro 18,00) e dell’imposta di bollo (c.c. n°4028 - Euro 43,86) per il rilascio della CQC e del CAP “KB”

  3. Fotocopia KD (e relativa patente D) per residenti in Italia;

  4. permesso di soggiorno,in corso di validità, e sua fotocopia (per cittadini extracomunitari residenti in Italia);

  5. fotocopia del codice fiscale

  6. una  fotografia formato tessera, a capo scoperto, recente.

  • N.B. Se la pratica non è presentata dal titolare dovrà essere esibita una delega sottoscritta ed un documento d’identità personale del delegante;

  • I conti correnti dovranno essere sempre compilati a nome del richiedente, indicando il cognome da nubile per le donne coniugate.

  • Il conducente ha l'obbligo di richiedere anche il duplicato della carta di qualificazione del conducente, nel caso presenti istanza di rilascio di duplicato della patente di guida.

Duplicato della CQC
(chiedere comunque le informazioni complete e aggiornate allo sportello patenti)

  • Il duplicato della CQC può essere rilasciato, oltre che per rinnovo di validità allo scadere del quinquennio, anche:

a)       per deterioramento;

b)       per smarrimento, furto o distruzione.

  • Il conducente ha, inoltre, l'obbligo di richiedere il duplicato della CQC nel caso in cui, a qualsiasi titolo, richieda il duplicato della patente di guida. Tale esigenza nasce dal fatto che sulla CQC deve essere indicato il numero della patente di guida.

  1. compilazione della domanda sul modello MC 746 - C da ritirarsi presso gli sportelli dell'ufficio.
    La domanda deve essere firmata.

  2. attestazione dei versamenti in conto corrente postale dei diritti (c.c. n°86083623 - Euro 9,00) e dell’imposta di bollo (c.c. n°4028 - Euro 29,24);

  3. Fotocopia KD (e relativa patente D) o patente C, CE per residenti in Italia;
    Oppure:
    patente C, CE, D, DE se cittadini stranieri residenti all’estero, che svolgono la loro attività alle dipendenze di un’impresa stabilita sul territorio italiano, titolari di patente estera. In questo caso è obbligatorio allegare una dichiarazione della suddetta ditta, rilasciata su carta intestata, con firma e fotocopia documento di identità del rappresentante legale, e contenente tutti i dati identificativi del dipendente interessato che certifichi la sua dipendenza dalla ditta stessa;

  4. permesso di soggiorno,in corso di validità, e sua fotocopia (per cittadini extracomunitari residenti in Italia);

  5. fotocopia del codice fiscale

  6. una fotografia formato tessera, a capo scoperto, recente.

  • N.B. Se la pratica non è presentata dal titolare dovrà essere esibita una delega sottoscritta ed un documento d’identità personale del delegante;

  • I conti correnti dovranno essere sempre compilati a nome del richiedente, indicando il cognome da nubile per le donne coniugate.

  1. compilazione della domanda sul modello MC 746 - C da ritirarsi presso gli sportelli dell'ufficio.
    La domanda deve essere firmata.

  2. attestazione dei versamenti in conto corrente postale dei diritti (c.c. n°86083623 - Euro 9,00)

  3. la denuncia di perdita del possesso resa ad un organo di polizia.

  4. Fotocopia KD (e relativa patente D) o patente C, CE per residenti in Italia; (Nel caso in cui un conducente debba procedere al duplicato della CQC, mentre è in corso la procedura di duplicato della patente di guida, il rilascio della CQC sarà subordinato al previo rilascio della patente.)
    Oppure:
    patente C, CE, D, DE se cittadini stranieri residenti all’estero, che svolgono la loro attività alle dipendenze di un’impresa stabilita sul territorio italiano, titolari di patente estera. In questo caso è obbligatorio allegare una dichiarazione della suddetta ditta, rilasciata su carta intestata, con firma e fotocopia documento di identità del rappresentante legale, e contenente tutti i dati identificativi del dipendente interessato che certifichi la sua dipendenza dalla ditta stessa;

  5. permesso di soggiorno,in corso di validità, e sua fotocopia (per cittadini extracomunitari residenti in Italia);

  6. fotocopia del codice fiscale

  7. una fotografia formato tessera, a capo scoperto, recente.

  • N.B. Se la pratica non è presentata dal titolare dovrà essere esibita una delega sottoscritta ed un documento d’identità personale del delegante;

  • I conti correnti dovranno essere sempre compilati a nome del richiedente, indicando il cognome da nubile per le donne coniugate.

Conversione CQC rilasciato da uno stato CEE
(chiedere comunque le informazioni complete e aggiornate allo sportello patenti)

  • La carta di qualificazione del conducente rilasciata da uno Stato membro dell'Unione europea o appartenente allo Spazio economico europeo può essere convertita in equipollente documento italiano ad un conducente che acquisisce la residenza in Italia ovvero che lavora alle dipendenze di un'impresa di autotrasporto avente sede in Italia.

  • La carta di qualificazione del conducente rilasciata da uno Stato membro dell'Unione europea o appartenente allo Spazio economico europeo può essere duplicata, per smarrimento o furto, in equipollente documento italiano, ad un conducente che acquisisce la residenza in Italia ovvero che lavora alle dipendenze di un'impresa di autotrasporto avente sede in Italia, previo accertamento, presso le competenti autorità dello Stato di rilascio, che la carta di qualificazione del conducente da duplicare sia in corso di validità e su di essa non gravino provvedimenti sanzionatori.

Sanzioni

  • Il regime sanzionatorio relativo al possesso della carta di qualificazione del conducente o del CAP è costruito in modo essenzialmente analogo a quello relativo alla patente di guida. È vietato, infatti, guidare un veicolo per cui è richiesta la carta di qualificazione o il CAP senza averli conseguiti ovvero quando sono scaduti di validità o sono stati revocati.

  • Guida senza CQC (carta di qualificazione del conducente) o senza CAP (certificato di abilitazione professionale)

    • È punito con sanzioni amministrative, chiunque guida un veicolo per il quale è richiesto il possesso della carta di qualificazione del conducente o del certificato di abilitazione professionale senza averli mai conseguiti ovvero quando gli stessi titoli abilitativi sono stati revocati.

    • È sempre prevista la sanzione accessoria del fermo amministrativo del veicolo per sessanta giorni cosicché lo stesso, accertata l'infrazione, deve essere immediatamente sottratto alla circolazione e sottoposto a custodia affidandolo allo stesso conducente, senza possibilità di guida, al proprietario del veicolo ovvero, in mancanza, ad un custode-acquirente autorizzato secondo quanto disposto dell'art. 214 C.D.S.

    • Si applicano a tale violazione anche le disposizioni dell'art. 116 c. 12, relative all'incauto affidamento. Infine, le stesse sanzioni amministrative sono applicate quando si circola senza aver ottenuto il rilascio della carta di qualificazione o del CAP o di una sua dichiarazione sostitutiva, pur avendo superato con esito favorevole il relativo esame.

  • Guida con CQC scaduta di validità

    • È punito con sanzioni amministrative, chiunque guida un veicolo per il quale è richiesto il possesso della carta di qualificazione del conducente quando la carta di qualificazione stessa è scaduta di validità. Il documento di abilitazione è immediatamente ritirato ed è trasmesso all'ufficio del DTT competente per territorio che provvede alla sua restituzione al titolare solo dopo aver verificato che la validità del documento sia stata confermata.

Decurtazione punti sulla CQC e sul CAP KB

  • La disciplina sanzionatoria prevista dall’art. 126-bis (patente a punti) del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, e successive modificazioni si applica alla carta di qualificazione di conducenti residenti in Italia.

  • Il punteggio attribuito alla carta di qualificazione non si cumula, nel caso in cui un conducente sia contemporaneamente titolare di carta di qualificazione valida per il trasporto di persone e di carta di qualificazione del conducente valida per il trasporto di cose.

  • Il punteggio non si cumula anche nel caso in cui un conducente sia contemporaneamente titolare di carta di qualificazione del conducente e del certificato di abilitazione professionale di tipo KB.

  • L’applicazione dell’art. 126-bis del codice della strada alla carta di qualificazione del conducente decorre dopo dodici mesi (cioè dal 05.04.2008) dall’avvio delle procedure fissate con il decreto dirigenziale di cui all’art. 17 del decreto legislativo 21 novembre 2005, n. 286 , per il rilascio della carta di qualificazione in esenzione dall’esame.

  • In caso di perdita totale del punteggio, il titolare della carta di qualificazione del conducente deve sottoporsi ad esame di revisione della carta stessa.

  • L’esame di revisione di cui al comma 1 si svolge sull’intero programma e secondo le modalità previste per il conseguimento della carta di qualificazione del conducente.

  • L’esito positivo dell’esame di revisione per la carta di qualificazione del conducente non permette di acquisire punti eventualmente detratti dalla patente di guida. Parimenti, l’esito positivo dell’esame di revisione per la patente di guida non consente di acquisire punti eventualmente detratti dalla carta di qualificazione del conducente.

  • In caso di decurtazione dell’intero punteggio sia dalla carta di qualificazione del conducente che dal certificato di abilitazione professionale di tipo KB, il conducente sostiene l’esame di revisione secondo il programma previsto per il conseguimento del titolo abilitativo necessario per la guida del veicolo con cui ha commesso l’infrazione (o le infrazioni) che ha determinato maggiore decurtazione di punteggio. Se il conducente ha subito, alla guida di due veicoli diversi, la stessa decurtazione di punteggio, l’esame di revisione si svolge secondo il programma previsto per il conseguimento del titolo abilitativo necessario per la guida del veicolo con cui ha commesso l’ultima infrazione.

  • I corsi di recupero dei punti per la carta di qualificazione dei conducenti e dei certificati di abilitazione professionale di tipo KB hanno durata di 20 ore e consentono di recuperare fino ad un massimo di nove punti.

  • Il corso si conclude entro quattro settimane dalla data di avvio; ogni lezione non può avere durata superiore a tre ore giornaliere. Sono consentite al massimo sei ore di assenza. L’allievo assente per un numero superiore di ore ripete l’intero corso; l’allievo assente per un numero uguale o inferiore ottiene l’attestato di frequenza solo dopo aver recuperato le ore non frequentate.

  •  Non è possibile frequentare, contemporaneamente, un corso per il recupero dei punti della carta di qualificazione dei conducenti o del certificato di abilitazione professionale di tipo KB ed un corso per il recupero dei punti della patente di guida.

Revoca della CQC o del CAP tipo KB

 

La carta di qualificazione del conducente o il CAP tipo KB sono revocati quando il conducente titolare:

  • a seguito di esame di revisione della carta stessa o del CAP tipo KB sia stato giudicato non idoneo;

  • è stato oggetto di revoca della patente posseduta a seguito di esito negativo della revisione per perita totale di punteggio.

Ritorna all'inizio